Home Iscrizione online Commenti Statistiche ANVO Mappa del sito Sommario
 
 

RMS Titanic


Torna su RMS Titanic Normandie Andrea Doria Fascination Eugenio Costa Destriero Calypso

 

RMS Titanic GAL.1
RMS Titanic GAL.2
RMS Titanic GAL.3

Note storiche

Il Titanic è stato costruito dai cantieri Harland & Wolff di Belfast per conto della White Star Line. Faceva parte di una serie di tre grandi e lussuosi transatlantici che dovevano battere la concorrenza del Lusitania e del Mauretania della Cunard Line. Di questi solo il primo, l’Olympic, entrò in servizio mentre il terzo, il Britannic, divenne una nave ospedale e affondò in Mediterraneo. L'8 aprile 1912 il Titanic lasciò il porto di Southampton pavesato a festa con a bordo 2200 persone fra le quali la "creme" della società dell'epoca. La nave impersonava l'orgoglio di quel periodo, la fiducia eccessiva nelle possibilità della tecnica, la presunzione di infallibilità. Era infatti ritenuta da molti "inaffondabile". Il Titanic stava dirigendo verso New York alla velocità di 20,5 nodi quando improvvisamente scoppiò la tragedia. Le due vedette in coffa scorsero un iceberg dritto di prora a soli 400 metri di distanza. La nave cercò di evitare la collisione arrestando le macchine e compiendo un’accostata a sinistra. Nonostante gli sforzi la carena del Titanic strusciò contro la parte immersa dell'iceberg. Nell'urto, fra le lamiere danneggiate, si aprirono numerose vie d'acqua che interessarono ben cinque compartimenti stagni. Troppi perché la nave potesse rimanere a galla. L'ordine di abbandonare la nave fu impartito dopo solo mezz'ora dalla collisione. I passeggeri, dapprima increduli, cominciarono di malavoglia a salire sulle scialuppe che si allontanarono, almeno all'inizio, solo parzialmente cariche. La nave immerse sempre più la prua fino a sollevare dall'acqua l'intera parte poppiera. Alle 2.18 del 15 aprile, con un forte boato, il Titanic si spezzò fra la seconda e la terza ciminiera. La prua precipitò verso il fondo e la poppa, dopo una parziale rotazione, la seguì. A bordo c’erano ancora 1500 persone.

 

Foto del modello di Duilio Curradi

 
  •  Scala             1:100
  •  Lunghezza 268,8 cm
  •  Larghezza    28,0 cm
  •  Altezza          71,0 cm

Il modello è statico ed ogni sua parte è stata completamente realizzata dal modellista. Sono stati utilizzati quattro disegni originali, ottenuti dal cantiere costruttore, e informazioni ricavate da libri e da un vecchio filmato in bianco e nero. Questo modello si caratterizza per il fatto che i quattro ponti superiori sono completamente arredati. Questo modello è descritto sul sito personale del modellista: www.mitidelmare.it


L'originale

  •  Descrizione generale
    • Varo        31 marzo 1912
    • Tipo         Transatlantico
    • Funzione Trasporto passeggeri
  •  Caratteristiche generali
    • Dislocamento 52.200 ton
    • Lunghezza ft  268,80 m
    • Larghezza        28,00 m
    • Altezza             53,30 m
    • Pescaggio         10,54 m
    • Propulsione      N.29 caldaie
      • N.2 motori a quattro cilindri a tripla espansione
      • N.1 turbina Parson a bassa pressione
      • N.1 elica quadripala centrale diametro 6,3 m
      • N.2 eliche  tripale   laterali    diametro  6,3 m
    • Potenza       46.000 HP totali
    • Velocità       23 nodi, Max oltre 26 nodi
    • Equipaggio  N.800 uomini

Attracco al molo di Southampton

Vista delle eliche

Ponte lance


    Home | Torna su | RMS Titanic | Normandie | Andrea Doria | Fascination | Eugenio Costa | Destriero | Calypso
 
Inviare a webmaster@anvo.it un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito Web
Copyright © 2009 Associazione Navimodellisti Valle Olona